Per una sana e goduriosa alimentazione

Sembreranno due parole che non possono stare nella stessa frase, ma insieme ad uno stile di vita sano questo è possibile. Cosa vuol dire stile di vita sano? Sicuramente non usurarsi le articolazioni con attività fisica molto intensa, correre a più non posso, sollevare pesi spropositati, ecc.

Uno stile di vita sano vuol dire inizialmente privarsi della sedentarietà prolungata: guardare meno televisione spaparanzati sul divano, meno videogiochi, meno pc (non ora, in questo momento puoi continuare a stare seduto e leggere questo primo post), meno social e più movimento.

happy life
Photo by Simon Abrams on Unsplash

Qualsiasi genere di movimento va bene, dall’andare a piedi o in bici a lavoro. Per esempio, prova a parcheggiare un po’ più lontano dal luogo di lavoro in modo da fare più passi o a scendere alla fermata precedente. Ma tu mi dirai: dove lo trovo il tempo? Il tempo si trova organizzando la propria vita in modo riempire la giornata con doveri e piaceri, nei quali verranno distribuiti anche le attività fisiche.

Equilibrio nella dieta

Quando si parla di alimentazione è importante mettere insieme le parole “sana” e “piacevole/goduriosa” in quanto, visto che i problemi di alimentazione sono spesso di natura psicologica, vorrei indirizzare le persone verso uno stile di vita che fa stare bene con sé stessi. Quindi perché non mangiare un dolce se poi riesco a compensare con una sana passeggiata con un amico o un familiare? Ovviamente, questo non vuol dire eccedere nell’alimentazione per poi dover eccedere con l’attività fisica per compensare.

colazione, cappuccino, colazione sana e gustosa
Photo by Yulia Khlebnikova on Unsplash

La parola più importante da aggiungere infatti è equilibrio.

Alimentazione equilibrata vuol dire non escludere alimenti in modo da apportare la dose equilibrata di nutrienti (proteine, carboidrati e grassi) e non eccedere in alimenti trasformati ricchi di zuccheri e sale. Esercizio fisico corretto e costante vuol dire non sovraccaricare muscoli e articolazioni e non cedere alla pigrizia.

Mangiare un po’ di tutto

Una delle prime regole da seguire è che nessun alimento, eccezion fata per le allergie e intolleranze, deve essere escluso da una dieta corretta (Linee guida per una sana alimentazione Revisione 2018). A questo proposito, se per qualsiasi motivo pensate che la vostra dieta possa avere carenze o eccessi, vi consigliamo di rivolgervi a professionisti della nutrizione, che vi potranno indirizzare alle scelte migliori per la vostra personale situazione.

pranzo sano e nutriente, dieta equilibrata
Photo by Lee Myungseong on Unsplash

Una dieta sana è anche una dieta sostenibile dal punto di vista ambientale e sociale: chi vuole aria inquinata, falde acquifere piene di pesticidi e sostanze tossiche, chi vuole un amico o un familiare in condizioni di difficoltà economica? Nessuno! Ecco perché la sostenibilità è piacevole. Certo creerà un certo disagio, un certo sforzo iniziale, ma raggiunto l’obbiettivo, ne sarà valsa la pena e potrete godere del vostro impegno.

Uno dei principali obbiettivi di una dieta è il raggiungimento del peso ottimale in funzione della statura, dell’età e della struttura fisica in generale. Il peso corporeo è dato infatti da un insieme di variabili genetiche, ambientali e comportamentali le quali condizionano inevitabilmente quanta energia assumiamo e quanta energia consumiamo. Estremizzando per comprendere meglio queste variabilità possiamo riportare degli esempi: problematiche genetiche, ad esempio un diverso funzionamento tiroideo influenzano il consumo energetico in positivo o negativo; vivere in ambiente ricco o povero influenza l’assunzione di maggiore o minor cibo rispettivamente e la sua qualità; essere sempre fuori in giro per locali dove si mangiano cibi trasformati o si bevono alcolici aumenta l’assunzione di calorie.

Il bilancio energetico dell’organismo, come molti sanno, è dato dalle calorie che ingeriamo meno quelle che consumiamo. Queste calorie vengono consumate per molto meno del 50% dal dispendio energetico dovuto all’esercizio fisico, mentre la maggior parte deriva dal metabolismo basale che svolgono gli organi e i tessuti a digiuno e a riposo. Una piccola percentuale deriva infine dall’energia che serve a scindere le molecole che compongono i nutrienti (più elevata per proteine, minore per i grassi).

attività fisica sana e salutare
Photo by Robert Collins on Unsplash

L’organismo umano è principalmente composto, da massa magra, della quale fanno parte i muscoli, lo scheletro e gli organi; da qui si capisce come sia importante mantenere una certa tonicità muscolare grazie all’esercizio fisico, la cui conseguenza diretta sarà un metabolismo basale più attivo che, anche a riposo, consumerà più energia.

Attenzione agli eccessi!

Da ricordare però, che se l’eccesso di peso rappresenta un rischio per la salute, per la maggiore probabilità di insorgenza di malattie cardiovascolari, di diabete, alcuni tipi di cancro ecc., anche la diminuzione eccessiva di peso è un problema.

Il corpo, una volta esaurite le riserve di grasso, per far fronte alle richieste energetiche deve attingere alle sostanze che compongono i muscoli e gli organi interni, compromettendo quindi la funzionalità metabolica ed endocrina. Si entrerà così in un circolo vizioso, sia dal punto di vista metabolico, in quanto sarà più difficile perdere peso, che dal punto di vista psicologico, un aspetto troppo spesso sottovalutato.

L’importante è divertirsi!

L’attività da scegliere, escludendo casi conclamati di sovrappeso o sottopeso, in cui uno sforzo intenso può essere deleterio per le articolazioni e per la struttura ossea, è sempre quella che più ci aggrada.

sana attività fisica, vita attiva
Photo by Steven Abraham on Unsplash

A chi non piace correre in solitaria, sceglierà la bici o farà più passeggiate esplorative in compagnia e viceversa; chi riesce ad andare a piedi a lavoro, potrà svolgere meno allenamenti serali e viceversa. Sempre e comunque nel rispetto dell’efficienza energetica dell’attività: più intensa/meno tempo, meno intensa/più tempo.

La scelta quindi deve sempre essere personale, preferendo ciò che aggrada di più unito se possibile ad un sano divertimento.

camminate in montagna, paesaggi
Photo by Simon Migaj on Unsplash

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: