LEED BUILDING, progettare pensando all’ ambiente

Cosa vuol dire “LEED Building”? Semplice, è l’acronimo di Leadership in Energy and Environmental Design. Si parla di un approccio di design alla costruzione di nuovi edifici, con un forte occhio per l’aspetto ambientale e di eco-sostenibilità.

LEED building platinum, edificio platino, certificazione LEEED

Il LEED è una certificazione volontaria, che può essere applicata a qualsiasi tipo di edificio e rappresenta la eco-sostenibilità di una determinata struttura. La certificazione LEED è un metro di misura principalmente per le prestazioni energetiche e per l’impatto ambientale di un determinato edificio, come ad esempio: il risparmio energetico e idrico dello stesso, la qualità e sostenibilità dei materiali edili, la riduzione delle emissioni di CO2 e altri fattori chiave.

E’ importante far notare che esistono diversi livelli di LEED, basati su un sistema a punti, che premiano l’utilizzo di nuove tecnologie che aiutino a abbattere l’impatto ambientale della struttura che si sta andando a certificare.

Non bisogna confondere questo certificato con i livelli energetici che sono normalmente attribuiti alle case!

Con LEED si parla di un certificato ufficiale, creato nel 1998 dallo U.S. Green Building Council (USGBC) e modificato negli anni dallo stesso ente. Con un sistema a punteggio, quando si fa richiesta della certificazione, si può ottenere uno dei 4 livelli LEED, che vannpo dal livello base al platino.

Nel dettaglio:
1) livello base: 40-49 punti
2) silver: 50-59 punti
3) gold: 60-79 punti
4) platinum: 80-110 punti

LEED Building, come guadagnare punti?

I vari punti che si possono acquisire sono divisi per macro categorie:
Sostenibilità del sito (26 punti)
Gestione delle acque (10 punti)
Energia e Atmosfera ( 35 punti)
Materiali e risorse (14 punti)
Qualità ambientale interna (14 punti)
Innovazione nella progettazione (6 punti)
Priorità regionali (4 punti)

Di seguito si riporta, un esempio ,più nel dettaglio, di una pre-valutazione per il conseguimento della certificazione LEED v4 for Building Design and Construction, misurando la prestazione rispetto ai criteri suddivisi nelle seguenti aree di valutazione:

Location and Transportation (20 punti): i crediti LT promuovono la costruzione di edifici all’interno di contesti urbanizzati e serviti da tutti i servizi fondamentali come ad esempio i trasporti pubblici.

Sustainable Sites (1 prerequisiti, 11 punti): i crediti SS promuovono strategie di progettazione del sito attraverso pratiche responsabili e innovative nei confronti della flora, della fauna, dell’acqua e dell’aria, attraverso la mitigazione di alcuni degli effetti negativi che gli edifici hanno sull’ambiente locale.

Water Efficiency (3 prerequisiti, 11 punti): i crediti WE affrontano le tematiche ambientali legate all’uso, alla gestione e allo smaltimento delle acque impiegate all’interno e all’esterno degli edifici attraverso il monitoraggio delle performance di utilizzo e l’incoraggiamento alla riduzione del consumo di acqua potabile.
Esempio:
Utilizzare dispositivi ad alto risparmio idrico (es. aeratori su rubinetti e cassette doppio flusso)
Prevedere la contabilizzazione di acqua a livello di edificio

Energy and Atmosphere (4 prerequisiti, 33 punti): i crediti EA promuovono il controllo delle prestazioni energetiche degli edifici attraverso un sistema di progettazione integrata. La valutazione delle prestazioni energetiche dell’edificio avviene sia durante la fase di progettazione, sia attraverso il commissioning dei sistemi impiantistici sia durante la fase di monitoraggio post occupazione. Promuovono, inoltre, l’utilizzo di energie rinnovabili.
Esempio:
Eseguire modellazione energetica e garantire un minimo di percentuale di risparmio energetico
Prevedere la contabilizzazione di energia a livello di edificio.

Material and Resources (2 prerequisiti, 14 punti): i crediti MR promuovono la scelta di materiali sostenibili riciclati, recuperati o riconvertiti. Promuovono inoltre la riduzione dei rifiuti di cantiere e di esercizio dell’edificio.
Esempio:
Non utilizzare refrigeranti a base di CFC
Prevedere un’area di raccolta dei rifiuti con suddivisione secondo raccolta differenziata.
Prevedere l’avvio a riciclo dei rifiuti derivanti da demolizione/costruzione per almeno il 95%

Indoor Environmental Quality (2 prerequisiti, 10 punti): i crediti IEQ affrontano le problematiche ambientali legate alla qualità dell’ambiente interno in termini di temperatura, umidità, acustica,illuminazione, inquinamento e percezione visiva. Questi elementi contribuiscono al benessere e alla salute degli occupanti e determinano il consumo di energia finale dell’edificio.
Esempio:
Il sistema deve essere progettato e verificato secondo EN 15251-2007 e EN 13779-2007 (Air Quality Performance)
Prevedere il divieto di fumo all’interno dell’edificio e entro 8 m da ogni apertura dell’edificio
Creare e implementare ESC plan durante le fasi di cantiere (Activity Pollution Prevention)

Innovation (6 punti): L’impiego di tecnologie nuove, costruttive e migliorative rispetto alla comune best practice è un elemento di valore aggiunto, ai fini della certificazione LEED.

Regional Priority (4 punti): Crediti specifici per regioni climatiche differenti.

Se cercate ulteriori informazioni riguardanti l’argomento è possibile reperirle nel sito LEED – GBC Italia.

Bibliografia:

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: